Ray Ban 3267

Publicity for a clergy conference said that are worn out, discouraged, and in need of affirmation. In fact, poll after poll reveals that most pastors are battling isolation, depression, and loneliness. I worked in a white hot world of teenage rebellion, horrible sexual abuse (generally within the family or extended family), abused parents, attempted completed suicides, drug abuse, and parents who are disillusioned by child rights without responsibility.

Successivamente si trasferisce in Gran Bretagna, entrando alla Royal Academy of Dramatic Arts di Londra, seguita dal Royal Welsh College of Music and Drama di Cardiff, dove acquista maggiore sicurezza e comincia a muovere i primi passi sul palcoscenico, recitando in “The Killing Act” e nel “Riccardo III”. Tornato in America, forte della sua istruzione, diventa uno degli attori più attivi dell’off Broadway.Il debutto al cinemaIl debutto sul grande schermo avviene grazie a Tom DiCillo che lo inserisce nel cast di Si gira a Manhattan (1995) con Steve Buscemi, Catherine Keener e Dermot Mulroney. Successivamente a qualche apparizione televisiva (Seinfeld, 1995), recita piccoli ruoli in Bullet (1995), Safe Men (1998) e Human Nature (2000) con Tim Robbins.Il successoIn seguito al telefilm Camelot Squadra emergenza (2002) e al film Elf (2003), viene scelto come protagonista di Station Agent (2003), opera prima dello sceneggiatore Thomas McCarthy che racchiude nel cast anche Bobby Cannavale, Patricia Clarkson e Michelle Williams.

Le uniche partecipazioni importanti passate sul grande schermo sono quelle in Mafia! (1998) di Jim Abrahams, una parodia della criminalità organizzata condita da stereotipi sull’italiano mafioso a non finire, in Without Limits (1998) di Robert Towne, nella commedia Dill Scallion (1999) dov’è il protagonista di un esilarante presa in giro delle star della musica country (presentato al Sundance Film Festival) e nello sci fi Komodo (1999), nel quale si trova faccia a faccia con dei draghi verdi in un’isola sperduta.Tanta suspense e misteri da risolvere al cinemaCon il 2000 approda al thriller di Robert Manganelli After Image, che prelude alla vera suspence di Nella morsa del ragno di Lee Tamahori dove affianca una grande star del cinema come Morgan Freeman e altri attori importanti, tra i quali Michael Wincott e Penelope Ann Miller. Partecipa al cortometraggio Something More diretto dall’attore Devon Gummersall, poi ritorna prepotentemente in televisione dove lo vediamo in Una mamma per amica, Detective Monk e soprattutto in 24, nel ruolo di Gary Matheson. Un po’ apatico in Lost Junction (2003), lo vediamo in gran forma nella storia di vigili del fuoco a New York di Squadra 49 (2004) e al fianco di Peter Falk nella commedia romantica Three Day sto Vegas (2007).