Ray Ban Havana

Forte del posizionamento nelle graduatorie mondiali di settore, ove occupa saldamente la quarta posizione tra i costruttori e la terza tra gli esportatori, l’industria italiana della macchina utensile ha scelto Londra come meta per presentare le sue eccellenze manifatturiere, in risposta alle esigenze del mercato del Regno Unito oggi impegnato in un processo di re industrializzazione divenuto ancor più imprescindibile dopo Brexit. Con 32.000 addetti, 400 imprese e un fatturato che, nel 2017, si è attestato a oltre 8 miliardi di euro, l’industria italiana di settore destina circa il 60% della produzione ai mercati esteri che da sempre ne apprezzano l’offerta per l’alto contenuto tecnologico, la forte personalizzazione e l’assistenza garantita anche post vendita. Alle caratteristiche tradizionali, anche grazie alle importanti misure introdotte dal governo italiano in materia di Industria 4.0, i costruttori italiani oggi aggiungono un’ampia dimensione digitale, che si traduce, in concreto, in maggiore automatizzazione e interconnessione delle macchine e dei processi, elementi, questi, di sicuro interesse per gli utilizzatori e i partner britannici intenzionati a dotare i propri stabilimenti produttivi di tecnologie di ultima generazione..

Chiedetelo ai Bree Sharp che hanno scritto una melodia che porta il suo nome!La X sulla finestra di Fox Mulder è stata per anni il segno distintivo di David Duchovny e del suo personaggio più importante. Quasi schiavo delle indagini sugli X Files, il bell’attore dal padre russo e la madre scozzese raramente è riuscito a liberarsi del detective dell’FBI ossessionato dagli UFO. Nel corso degli anni abbiamo potuto ammirarlo solo in alcune sporadiche apparizioni al cinema alternate ad altre, entusiasmanti, al Saturday night live in cui ha dato prova di un innato senso comico.

Tra i suoi compagni di scuola a Podebrady, una città termale nei pressi di Praga, ci sono i futuri cineasti Milos Forman e Ivan Passer, così come il futuro scrittore Vclav Havel. Turbolento a scuola, Skolimowski studia etnografia e storia all’università, per poi laurearsi in letteratura a Varsavia. Appassionato e pratico di boxe, a poco più di vent’anni è già uno scrittore, avendo pubblicato diversi libri di poesie di stampo esistenzialista poi sistematicamente citate nei suoi film e sperimentando la figura retorica della metafora che tanta fortuna avrà nel suo cinema.

Il risultato di questa collaborazione è Bambini con Anna Falchi, Lorenza Indovina, Fausto Paravidino e Giulia Bellu. Un film costituito da cinque episodi ambientati in cinque diverse città italiane e dedicate ai bambini di ieri e di oggi. Si tratta di un film che, attraverso la passione per i cavalli, esplica il legame fra due fratelli.