Goccia Ray Ban

Fernanda cresce in questo ambiente, frequentando le scuole pubbliche e affezionandosi moltissimo ai nonni che saranno figure importantissime nella sua vita.A dodici anni, conclude la scuola primaria e si iscrive a una scuola di formazione professionale che le offrirà dei corsi di stenografia e dattilografia per imparare a fare la segretaria, insegnandole anche l’inglese, il francese e il portoghese. Affamata di conoscenza e di titoli, spiccata per lo studio e curiosa del mondo, decide di frequentare anche il “corso di maturità”, una sorta di scuola supplementare notturna che era l’equivalente di due anni di scuole superiori. Ma sembra che il destino abbia per lei qualcosa di meglio che i tasti di una macchina da scrivere.

Lavori in corso, e non per via di qualche ritocco estetico, ma perché questa attrice, dall’alto della sua età cronologica, è una fucina di continuo lavoro. Un’attrice che sfrutta il linguaggio della recitazione per arrivare al cuore degli spettatori e, a volte, far riflettere sui problemi dell’anima.Figlia del medico ufficiale del Theatre Royal, fu proprio questo legame fra il medico e la compagnia teatrale a spingere la Dench (e suo fratello Jeffery) nello studio della recitazione presso la Central School (con Vanessa Redgrave come compagna di classe), facendo una lunghissima gavetta come attrice teatrale, a cominciare dal suo debutto nel ruolo della Vergine Maria nella Old Vic Company di Liverpool, seguito poi da un’altrettanto memorabile Ofelia in un “Amleto” del 1957, che le fece vincere numerosi riconoscimenti internazionali. Indimenticabile la sua Giulietta diretta dal nostro Franco Zeffirelli, ma non si può non citare anche le sue Titania, Lady Macbeth e un centinaio di altri ruoli che ha portato sul palcoscenico in numerose stagioni con la Royal Shakespeare Company, viaggiando fra Stratford e Londra, fra l’Australia e il Giappone, e ricevendo ben sei ambitissimi Olivier Award per: “Macbeth” (1977), “Giunone e il pavone” (1980), “Tessuto di menzogne” (1984), “Antonio e Cleopatra” (1987), “Absolute Hell” (1996) e infine “A Little Night Music” (1996).Il primo contatto con l’obiettivo avviene per il piccolo schermo nel film tv Hilda Lessways (1959), ma il teatro è ancora considerato la sua prima casa e così torna sul palco, a ballare e cantare, nel ruolo di Sally Bowles nel musical “Cabaret”, senza dimenticare “Cats” che però ha dovuto abbandonare.

If the original book was published in multiple volumes then this reprint is of only one volume, not the whole set. This paperback book is SEWN, where the book block is actually sewn (smythe sewn sewn) with thread before binding which results in a more durable type of paperback binding. It can also be open wide.

Lascia un commento